Project To Grow A Building utilizza stampanti 3D per creare strutture edilizie dal terreno seminato
Dei muri di terra stampati in 3D fanno crescere un giardino quando li innaffi
Un team di designer a Gerusalemme vuole scambiare cemento e acciaio per armature con pareti viventi interamente realizzate con materiali naturali.
 
La stampa 3D ha fatto molta strada negli ultimi 20 anni. Possiamo già stampare ciotole fatte di segatura , motociclette elettriche fatte di bottiglie di plastica riciclate e case fatte di cemento . Ma il prossimo materiale stravagante per trasformarlo in una macchina per la stampa 3D è ora il suolo.
  

Questo è esattamente quello che è successo il mese scorso quando un team di designer ha presentato To Grow A Building. Esposta nell’ambito della Jerusalem Design Week, l’installazione presentava una dozzina di strutture costruite utilizzando un robot su misura appositamente progettato per stampare con terreno seminato. Sei settimane dopo, con un po’ di attenzione, le piante hanno sviluppato un denso apparato radicale e le pareti hanno sviluppato uno strato verde lussureggiante completo di ravanelli commestibili. 

Può sembrare sperimentale, ma l’installazione è radicata in preoccupazioni molto pragmatiche, vale a dire che cemento e acciaio, due dei materiali da costruzione più comunemente usati, sono responsabili del 22% delle emissioni globali totali . “Volevamo creare un’architettura fatta di materiali totalmente organici e locali che non servono per trasportare materiali dall’altra parte del mondo”, afferma Nof Nathansohn, architetto e ricercatore che ha lavorato a questo progetto con altri sette disegnatori . 

Il problema è che la tecnologia esistente non permetteva di costruire con materiali così organici e, come dice Nathansohn, “architetti e designer sono per lo più limitati alle macchine che sono là fuori”. Puoi modellare i mattoni con la polpa di agave o gettare muri fatti di materiali naturali compattati come terra o gesso, ma questi metodi possono essere piuttosto limitanti quando si tratta di forme geometriche complesse come le pareti curve. Sono anche ad alta intensità di manodopera e spesso richiedono abilità di costruzione speciali. Quindi, il team si è rivolto alla stampa 3D. Ciò ha comportato l’hacking di una stampante 3D esistente e la costruzione di una pompa e un ugello personalizzati in modo che potesse contenere il materiale organico, che è più liquido del cemento e più strutturato a causa dei semi. Hanno iniziato con il grano perché cresce velocemente, poi hanno aggiunto la flora e le verdure locali. “Lo annaffiamo ogni giorno”, dice Nathansohn.

Strappare i ravanelli dalle pareti di casa ha un certo fascino, ma la visione più ampia qui è che il terreno sostituisca il cemento e le radici sostituiscano l’acciaio di rinforzo (sebbene non sia chiaro quanto potrebbero essere forti quelle radici). “C’è molto lavoro matematico sui frattali di piante e alberi, quindi integrare il modo in cui le diverse piante crescono nel processo di progettazione e la geometria di queste pareti può rendere il materiale più forte ed efficiente”, afferma.

 
 Ci sono ovvie sfide a questo approccio, come l’altezza che puoi costruire prima che il muro si sgretoli su se stesso. Al festival del design, la struttura più alta era una colonna di 4,9 piedi, ma per Nathansohn si tratta solo di trovare la giusta geometria per sostenere il materiale (come gli igloo, per esempio). “L’anno prossimo potremmo andare più in alto e costruire un vero padiglione”, 

di Dor Kedmi

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi