Lab 3D stampa l’inchiostro di E. coli per la ricerca sui biofilm
 

La ricerca può aiutare nello sviluppo di farmaci per combattere gli effetti negativi di questi microrganismi che aderiscono alle superfici.
 
Anne S. Meyer , professoressa associata di biologia presso l’ Università di Rochester , e i suoi collaboratori presso la Delft University of Technology  nei Paesi Bassi, hanno recentemente sviluppato una tecnica di stampa 3D per progettare e studiare i biofilm, comunità tridimensionali di microrganismi, come i batteri , che aderiscono alle superfici. La ricerca fornisce importanti informazioni per la creazione di materiali sintetici e per lo sviluppo di farmaci per combattere gli effetti negativi dei biofilm.

I biofilm possono essere sia dannosi che benefici per l’uomo: possono rivestire le superfici di materiali e oggetti, compresi i dispositivi medici, e causare infezioni e sono resistenti a molti farmaci e disinfettanti. Tuttavia, i biofilm sono in grado di degradare sostanze chimiche tossiche e inquinanti ambientali, rendendoli utili in aree come il trattamento delle acque reflue.

Nella loro ultima ricerca, pubblicata sulla rivista ACS Synthetic Biology , Meyer e i suoi colleghi mostrano che i biofilm ingegnerizzati possono comportarsi come quelli naturali. I ricercatori hanno sviluppato una tecnica di stampa 3D che consente loro di progettare e studiare sinteticamente biofilm costituiti da batteri Escherichia coli ( E. coli ). La tecnica consentirà ai ricercatori di studiare meglio le proprietà dei biofilm in modo che possano sfruttarne gli aspetti benefici e combatterne gli effetti dannosi.

“Questo documento mostra che i nostri biofilm ingegnerizzati possono comportarsi come biofilm nativi in ​​molti modi, inclusa la visualizzazione di una resistenza emergente ai farmaci, rendendoli buoni sistemi modello per lo sviluppo di farmaci anti-biofilm”, afferma Meyer.

Il lavoro è l’ultimo di una serie di sforzi di ricerca condotti dal laboratorio di Meyer per sviluppare materiali sintetici che imitano la natura. I materiali hanno una varietà di applicazioni nei settori energetico, medico, tecnologico e della moda. Il gruppo Meyer ha utilizzato i batteri per sviluppare madreperla artificiale  e  grafene e ha inoltre sviluppato altre tecniche di stampa 3D, tra cui una nuova tecnica di biostampa per stampare alghe in materiali fotosintetici viventi .

ram gona University of Rochester

Lo studente laureato Ram Gona ha progettato una biostampante 3D che crea biofilm utilizzando una tecnica sviluppata dalla professoressa di biologia dell’Università di Rochester Anne S. Meyer e dai suoi collaboratori presso la Delft University of Technology nei Paesi Bassi.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi