I produttori UpNano hanno un materiale nero per la polimerizzazione a due fotoni ( 2PP nella foto). Per molto tempo questo sembrava impossibile perché non traslucidi (nero) dei materiali riducono notevolmente l’efficienza di polimerizzazione del processo di stampa.

Ora, tuttavia, UpNano GmbH, specializzata nella stampa 3D 2PP, ha avuto un enorme successo nello sviluppo di un tale materiale e sta beneficiando ancora una volta del laser eccezionalmente potente del suo sistema di stampa NanoOne. Il materiale, opportunamente chiamato UpBlack, può essere combinato molto facilmente con il materiale traslucido di recente sviluppo UpOpto, il che significa che i sistemi ottici completi (lenti e supporti) possono ora essere prodotti con un solo sistema di stampa.

Sembra una contraddizione in termini: fotopolimerizzazione di un materiale non traslucido. Ma UpNano, produttore del noto sistema di stampa 3D a 2 fotoni NanoOne in grado di stampare strutture di oltre 12 ordini di grandezza, ha ora dimostrato che ciò è effettivamente possibile. Il segreto del successo dell’azienda è la potenza laser del NanoOne (fino a 1 watt) – molte volte più forte rispetto a sistemi comparabili. Nonostante l’elevato assorbimento della luce di UpBlack, questo laser è abbastanza potente da fornire energia sufficiente per la polimerizzazione del fotopolimero liquido durante il processo di produzione e quindi per rendere possibile la polimerizzazione.

Ottimale per l’ottica
UpBlack è ideale per la stampa di sistemi ottici. Questi spesso richiedono strutture di montaggio non traslucide per obiettivi o altre parti ottiche traslucide. Questi possono ora essere prodotti anche ad alta risoluzione con il sistema di stampa 3D UpNanos NanoOne. “Inoltre, abbiamo sviluppato un materiale otticamente trasparente che è anche disponibile in commercio”, spiega Bernhard Küenburg, CEO di UpNano. “Il nostro UpOpto colpisce per la sua fluorescenza eccezionalmente bassa, che altrimenti interferisce spesso con molte applicazioni ottiche, biologiche e mediche.” Infatti, UpOpto mostra un alto livello di biocompatibilità e, grazie alla sua non citotossicità, è stato certificato secondo EN ISO10993-5:2009 certificato, particolarmente importante per i clienti che lavorano con i microfluidi. “Con l’uso combinato di UpBlack e UpOpto”, sottolinea Bernhard Küenburg, “i nostri clienti possono produrre sistemi ottici completi con un solo sistema”. E numerosi clienti UpNano, tra cui un grande gruppo tecnologico asiatico, hanno già beneficiato di questa innovazione.

Ma non è solo la forte potenza laser che distingue le stampanti NanoOne da sistemi comparabili, ma anche la struttura ottica ottimizzata, la tecnologia brevettata di risoluzione adattiva e gli algoritmi di scansione laser intelligenti. Tutto sommato, la tecnologia di stampa 3D ad alta risoluzione di oltre 12 ordini di grandezza consente, e ciò in tempi di produzione brevi e precedentemente irraggiungibili.

Qualificato per la qualità
Recentemente l’azienda è stata anche certificata secondo lo standard ISO 9001, che si basa su diversi principi di gestione della qualità. Questi includono: una forte attenzione al cliente, motivazione e impegno da parte del top management, l’approccio orientato al processo e lo sviluppo continuo. Bernhard Küenburg spiega la motivazione dell’azienda per richiedere questo standard: “Negli ultimi due anni, le nostre vendite di sistemi e materiali di stampa sono cresciute in modo significativo. Allo stesso tempo, abbiamo investito molto nell’espansione dell’azienda. Questa crescita di UpNano doveva essere accompagnata da una forte attenzione alla gestione della qualità e la certificazione ISO 9001 ha dimostrato che potevamo raggiungere questo obiettivo. ” Inoltre, l’azienda ha ottenuto la certificazione ISO 14001,

La crescita di UpNano si è basata su una forte attenzione alla ricerca e sviluppo e all’innovazione. La strategia di risoluzione brevettata dell’azienda consente la stampa di oggetti di dimensioni centimetriche con risoluzione micrometrica in brevi cicli di produzione. UpNano ha recentemente lanciato il sistema di biostampa NanoOne e co-sviluppato X Hydrobio INX © U200 – l’unico materiale idrogel a 2 fotoni disponibile in commercio che consente di stampare le cellule viventi direttamente dalla piastra di coltura in 3D ad alta precisione per applicazioni biologiche – Incorpora strutture di stampa.

Gli ordini sia dall’industria che dal mondo accademico hanno reso necessaria una rapida espansione dell’azienda. Il numero dei dipendenti è stato raddoppiato in un anno, con l’ assunzione di nuovo personale per il dipartimento di ingegneria e sviluppo software e per la gestione dei progetti. Allo stesso modo, il fabbisogno di spazio della sede dell’azienda nella sede di Vienna è raddoppiato e, per poter servire meglio il forte mercato statunitense, UpNano ora impiega anche un venditore esperto sulla costa orientale.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi