LA SNEAKER STAMPATA IN 3D RICICLABILE DI ZELLERFELD PER “RIMODELLARE LE CALZATURE IN MEGLIO”

La start-up di stampa 3D di calzature Zellerfeld ha collaborato con lo stilista Heron Preston per la produzione additiva di una linea di scarpe da ginnastica unica, che si dice abbia il potenziale per “rimodellare le calzature in meglio”. 

Conosciuta come “HERON01”, la scarpa da corsa slip-on presenta un design circolare senza cuciture senza cuciture o adesivi, che consente di essere completamente riciclato alla fine della sua vita utile. In teoria, ciò consente di riutilizzare all’infinito i materiali delle sneaker, ma dato che solo un piccolo numero di paia viene venduto tramite una lotteria StockX , solo pochi eletti potranno provare le calzature futuristiche in qualsiasi momento.

“L’HERON01 è solo l’inizio”, spiega Preston. “Con la produzione additiva, il potenziale è illimitato. Sono stato in grado di progettare e stampare prototipi funzionali e in evoluzione in poche ore: con la produzione tradizionale, ci sarebbero voluti mesi. Non vedo l’ora di stampare più scarpe e aggiornamenti.”

 Fondata lo scorso anno, Zellerfeld utilizza la stampa 3D per sviluppare calzature sperimentali con nuovi design unibody, che possono essere personalizzati per soddisfare le esigenze individuali di chi li indossa. Anche se c’è poco di pubblico dominio per indicare che la tecnologia, in particolare, è dietro scarpe da ginnastica eco-friendly della ditta, il suo approccio è riferito stato affinato in casa del suo CEO Cornelius Shmitt negli ultimi tre anni. 

Basandosi sull’esperienza di ingegneria industriale che ha acquisito studiando alla Clausthal University of Technology , si dice che Shmitt abbia sviluppato un flusso di lavoro che apre nuove strade ai designer. Adottando il suo approccio, ad esempio, afferma che i futuri designer possono entrare nella produzione a breve termine senza dover pagare in anticipo per gli stampi o sborsare per la produzione in outsourcing a un fornitore esterno. 

L’azienda commercializza anche la sua tecnologia come alternativa più ecologica ai processi di produzione di calzature convenzionali, con il pretesto che “le scarpe stampate in 3D sono create con software e non con linee di assemblaggio”. Di conseguenza, l’approccio di Zellerfeld consente efficacemente la produzione di sneaker monopezzo, che rinunciano alla necessità di adesivi spesso tossici, eliminando al contempo l’uso di laboratori non etici con manodopera forzata. 

Sfruttando la sua tecnologia, l’azienda ha precedentemente creato un concetto di design “Sneaker Zero” che si è piazzato terzo nella sfida Formnext purmundus dello scorso anno , dopo aver lavorato con il marchio di moda Querencia Studio per stampare in 3D le sue prime calzature commerciali, ma dato che qualsiasi ricavato dalla vendita di la HERON01 andrà all’organizzazione benefica contro il lavoro minorile Global March , il suo ultimo progetto lo riporta alle sue radici etiche. 

Progettato insieme al famoso designer di calzature Mr. Bailey , HERON01 è modellato per assomigliare al suo omonimo nel mondo naturale. L’estetica simile a una scala della sneaker ha lo scopo di imitare quelli dei piedi di un airone, mentre la suola presenta un design simile ad un artiglio che ricorda alcuni dei primi schizzi che Bailey ha contribuito all’inizio del progetto, per guidarne la direzione. 

Si dice che Bailey, Preston e Zellerfeld abbiano collaborato per un anno tramite Whatsapp sul design della scarpa, prima di metterla finalmente in produzione quando le restrizioni COVID-19 sono state revocate, ma ora affermano che il loro viaggio dimostra la flessibilità del loro modello, che ha ha permesso loro di prototipare rapidamente la loro sneaker, prima di entrare in produzione da remoto senza dover fare affidamento su imprevedibili catene di approvvigionamento tradizionali. 

Inizialmente impostato per uscire su StockX come parte della sua iniziativa “Campagna per una causa”, i partecipanti alla lotteria del sito possono vincere un paio di HERON01 facendo una donazione di $ 10. I fortunati vincitori non solo saranno in grado di utilizzare un’app per iPhone per creare scansioni dei piedi come base per personalizzare le loro nuove scarpe, ma verranno inseriti nel programma Beta di Zellerfeld, che consente a chi le indossa di scambiarle una volta che vengono rilasciate nuove paia. 

“I nostri partner hanno trascorso anni a spingere i confini di ciò che è possibile nella moda e questa innovativa scarpa stampata in 3D è il risultato diretto di quel lavoro”, ha detto a Forbes Deena Bahri, CMO di StockX . “Siamo entusiasti di portare sul mercato un altro prodotto unico nel suo genere e di offrire alla nostra base di clienti globale e basata sui valori l’opportunità di sostenere la Marcia globale contro il lavoro minorile”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi