Pebble Beach sta già mostrando le sue stelle. Questa Aston Martin DBR22 potrebbe ricordare icone come la DB3S e la DBR1, ma questa roadster V12 con doppio turbo e un telaio ausiliario della stampante 3D è soprattutto una torta di compleanno.
 
I fan di Le Mans che conoscono i loro Pappenheimer riconosceranno i tratti della DB3S (guidata dall’ex giornalista automobilistico Paul Frère ) e della DBR1 che brillava a Le Mans negli anni ’50.

Questi sono davvero i riferimenti melodiosi a cui questo DBR22 è arrivato per ottenere la sua senape. Il concept può essere visto questo fine settimana a Pebble Beach ed è stato progettato per celebrare il decimo anniversario del programma di personalizzazione dell’Aston Martin Q.

La DBR22 non può contare sulla forza di volontà di un sei cilindri, come i suoi predecessori negli anni ’50, ma può bere dalla corsa di un V12 respirato da due turbo. Questo motore da 5,2 litri nel muso può schizzare con non meno di 715 CV ed è diretto da una trasmissione automatica a otto velocità. Aston Martin scrive con orgoglio uno sprint da 0 a 96 km/h (60 mph) in 3,4 secondi e una velocità massima di 319 km/h nella cartella stampa.


stampante 3d
Il lungo cofano del DBR22 aiuta ulteriormente il flusso d’aria in avanti. Ciò vale anche per il minuscolo parabrezza – chiamatelo deflettore del vento – che dovrebbe risparmiare un po’ il collo degli occupanti. Le doppie alette dietro la testa del guidatore e del passeggero controllano la turbolenza lì.

Gli specchi sono montati sopra le portiere su sottili bracci in fibra di carbonio. Questo materiale è ovviamente usato frequentemente per rendere il roadster più leggero. Il telaio ausiliario posteriore è costituito da diverse parti in alluminio che sono uscite da una stampante 3D arrotolate prima di essere incollate. Aston Martin vorrebbe utilizzare questa tecnologia maggiormente per i modelli di produzione su piccola scala.

Infine, una parola sullo stile: la DBR22 è dotata di nuovissimi cerchi in lega da 21 pollici con dado centrale e un esclusivo design a 14 razze appositamente progettato per il modello.

Aston Martin ha presentato il concept DBR22
 
L’Aston Martin ha presentato un altro speedster, e questa volta è un concept.

Si tratta del concept DBR22 che mira a dimostrare l’ultima tecnologia dell’azienda Aston Martin e del suo dipartimento Q by Aston Martin.

La DBR22 Concept si ispira all’eredità delle corse, in particolare, rende omaggio alle DB3S e DBR1 del 1952 che Carroll Shelby e Roy Salvadori guidarono per vincere la 24 Ore di Le Mans del 1959.

Quando hanno lavorato sul corpo, i designer hanno voluto ridurre al minimo il numero di pannelli per ottenere un aspetto più “muscoloso”. La griglia del radiatore ha un nuovo design in carbonio con due lamelle verticali su entrambi i lati intersecate da una lamella orizzontale, e questo design è ispirato alle suddette auto da corsa.

Tuttavia, il DBR22 non si concentra solo sul passato, perché nella sua creazione sono stati utilizzati processi, tecnologie e materiali avanzati, modernizzando così la “linea di sangue da corsa” e creando un nuovo pedigree.

La tecnologia all’avanguardia include anche il modo in cui lo speedster “gestisce” l’aria che lo circonda, dai sottili supporti degli specchietti laterali al pannello forato sotto le luci che consente all’aria calda di fuoriuscire nella parte posteriore dell’auto, che è combinato con un diffusore per creare carico aerodinamico.

Inoltre, per la prima volta, Aston Martin ha utilizzato una stampante 3D per creare le parti che compongono il telaio ausiliario posteriore. È stato utilizzato l’alluminio, che ha consentito una significativa riduzione del peso senza un impatto negativo sulla rigidità.

Il concept è alimentato da un motore V12 biturbo da 5,2 litri che sviluppa 705 CV e 753 Nm di coppia, ed è abbinato a un cambio automatico a otto rapporti. Ha anche un sistema di regolazione della coppia per ottimizzare l’erogazione di potenza alla strada.


L’accelerazione da 0 a 100 impiega meno di quattro secondi, mentre la velocità massima è di 319 km/h. Aston Martin afferma che la DBR22 è una bestia in pista.

Tecnologia di stampa 3D di Divergent
Lukas Czinger, vicepresidente senior delle operazioni presso Divergent, ha pubblicato su LinkedIn: “Sono molto entusiasta di vedere alcuni dei nostri programmi OEM diventare pubblici! Il  team Divergent  ha avuto il grande piacere di lavorare con [sp] dei grandi marchi mondiali [sp],  Aston Martin Lagonda Ltd , su veicoli ad alte prestazioni di produzione esistenti e di prossima generazione. Ha confermato a 3DPrint . com che Divergent sta “stampando e assemblando il telaio e fornendo il telaio ad [Aston Martin] come Tier 1”.

Divergent, finora, non è stato in grado di nominare pubblicamente la maggior parte dei produttori di apparecchiature originali (OEM) con cui ha collaborato, ma il CEO Kevin Czinger afferma che includono otto dei primi dieci gruppi OEM automobilistici globali. Se possiamo contare l’Aston Martin tra loro, ne restano altre sette da capire.

 

L’azienda utilizza le stampanti 3D in metallo a 12 laser di SLM Solutions per produrre parti che vengono poi assemblate utilizzando nastri speciali in una cella robotica proprietaria. La sua sussidiaria Czinger Vehicles prevede di rilasciare una coupé e un SUV, oltre all’ipercar Czinger 21C , poiché costruisce micro-fabbriche a livello globale. La tecnologia e il modello di business sono stati sufficienti per far guadagnare all’azienda circa 251,9 milioni di dollari di finanziamenti .

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi