Fleet Space ha rivelato i piani per il lancio di una nuova generazione di piccoli satelliti stampati in 3D nei prossimi 12 mesi, chiamati Alpha. 

Dichiarato di essere il primo satellite al mondo interamente stampato in 3D, Alpha integrerà l’avanzata tecnologia beamforming dell’azienda e antenne brevettate per sbloccare una maggiore connettività più rapidamente e in più luoghi.

“La visione di Fleet Space è che tutti, ovunque, abbiano accesso a una connettività illimitata, indipendentemente da dove si trovino nel globo, in città, regioni remote, a terra o navigando negli oceani”, ha affermato Flavia Tata Nardini, CEO e fondatore di Fleet Spazio. “Il nostro recente investimento in Serie B ci ha permesso di realizzare questa visione intraprendendo una nuova strategia audace”.

Fleet Space ha fatto la storia lanciando i primi quattro nanosatelliti commerciali australiani in Low Earth Orbit (LEO) nel 2018, vale a dire i suoi satelliti Proxima 1 e 2 e Centauri 1 e 2. Da allora l’azienda ha continuato a lavorare sul suo programma Centauri e ha lanciato il suo quinto e sesto satellite all’inizio di quest’anno. 

Il mese scorso, la società ha ottenuto 26,4 milioni di dollari in finanziamenti di serie B per rafforzare la sua missione di fornire connettività satellitare globale per Internet of Things (IoT). Dopo l’annuncio del finanziamento, Fleet Space è stata valutata $ 126 milioni e sostenuta da artisti del calibro di Artesian Venture Partners , Blackbird Ventures , Grok Ventures e Horizons Ventures , tra gli altri. 

Fleet Space ha una storia di primati nella produzione avanzata, tra cui una prima mondiale nelle antenne patch in metallo per la stampa 3D per piccoli satelliti che hanno fornito una produttività 10 volte maggiore per chilo di veicolo spaziale. Ora l’azienda sta incanalando la sua esperienza e il suo nuovo capitale nella creazione di una nuova generazione di piccoli satelliti con capacità di connettività migliorate.

“Questo nuovo capitolo della nostra storia è guidato dallo sviluppo di una nuova costellazione di satelliti denominata Alpha, che funzionerà in armonia con la nostra attuale costellazione di Centauri”, ha affermato Nardini. “Alpha rappresenta un importante passo avanti e la prima volta che un satellite è stato creato interamente attraverso la stampa 3D. 

“RIUNENDO LA CREAZIONE, L’IMPLEMENTAZIONE E IL SERVIZIO DELLA TECNOLOGIA SPAZIALE, QUESTA È UNA CHIARA DICHIARAZIONE DELLA NOSTRA INTENZIONE DI DIVENTARE UN LEADER GLOBALE NELLA TECNOLOGIA SPAZIALE E DI SUPPORTARE L’AMBIZIONE DELL’AUSTRALIA DI GUIDARE QUESTO CAMPO CRITICO”.
La costellazione Alfa

La nuova costellazione alfa di Fleet Space siederà accanto ai suoi satelliti Centauri esistenti, che sono tra i sistemi di comunicazione spaziale più avanzati al mondo. La società prevede di sfruttare l’esperienza e gli insegnamenti della sua crescente costellazione di piccoli satelliti per sviluppare l’Alpha e successivamente espandere la sua copertura. L’azienda spera di fornire una latenza inferiore al secondo per fornire un mezzo conveniente per fornire connettività “senza precedenti” più rapidamente e in più posizioni. 

Secondo Fleet Space, Alpha rappresenterà il primo satellite al mondo interamente stampato in 3D. Il satellite sarà integrato con l’avanzata tecnologia di beamforming digitale dell’azienda che utilizza una serie di più antenne interamente in metallo stampate in 3D insieme a capacità di elaborazione del segnale digitale. 

La tecnologia genera un numero elevato di fasci a bassa interferenza altamente direzionali nelle comunicazioni satellitari punto-punto per aumentare sostanzialmente il throughput dei dati IoT dei clienti e successivamente servire un numero maggiore di terminali dei clienti contemporaneamente. Questo processo offre un’elevata efficienza spettrale che migliora la qualità del servizio attraverso un maggiore riutilizzo della frequenza, velocità di trasmissione dati più elevate e collegamenti più robusti. 

La tecnologia beamforming sarà integrata nel LEO Alpha, che non è molto più grande di mezzo metro quadrato, in un’altra “prima mondiale” rivendicata dall’azienda.

L’Alpha avrà fino a 64 antenne patch in metallo stampate in 3D dell’azienda rispetto alle quattro dell’ultimo satellite di Fleet Space, il Centauri 4, che rappresenta un aumento di 16 volte delle prestazioni pur essendo solo quattro volte più pesante.

Si stima che il satellite Alpha sarà pronto per il lancio in circa 12 mesi e rappresenta un “cambiamento fondamentale” per Fleet Space in quanto espande la portata del suo braccio di ricerca e sviluppo. L’Alpha si aggiungerà alla piccola rete satellitare LEO di Fleet Space, che mira ad espandere a una costellazione di 140 persone.

 

Il recente finanziamento di serie B di Fleet Space segna un fermo impegno per la fiorente industria spaziale australiana, afferma la società, e porterà alla creazione di 70 nuovi posti di lavoro, molti dei quali saranno in posizioni STEM. 

Al momento dell’annuncio, David Pisoni MP, Ministro dell’Innovazione e delle Competenze, ha dichiarato: “La crescita di Fleet Space Technologies e il completamento con successo di questo round di finanziamento è una brillante affermazione dello sviluppo sostenuto dell’industria spaziale australiana e del Sud Australia. settore.

“NEL SOSTENERE LA FLOTTA, IL GOVERNO LIBERALE MARSHALL STA SOSTENENDO LA CREAZIONE DI POSTI DI LAVORO ALTAMENTE QUALIFICATI NELL’AUSTRALIA MERIDIONALE E TRACCIANDO UNA TRAIETTORIA VERSO GLI OBIETTIVI DICHIARATI DELL’AGENZIA SPAZIALE AUSTRALIANA DI COSTRUIRE UN’INDUSTRIA DA 12 MILIARDI DI STERLINE ENTRO IL 2030”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi