Terapia del diabete migliorata grazie alla stampa 3D: Fluicell sviluppa biocompositi a rilascio di insulina per il diabete di tipo 1 realizzati con bioprinting 3D
 
L’azienda svedese Fluicell ha sviluppato un biocomposito a rilascio di insulina per il diabete di tipo 1 sviluppato con l’aiuto della biostampa 3D. Si basa su tessuti prodotti con il sistema Biopixlar di Fluicell. Nella sua ricerca, Fluicell ha cercato di utilizzare biocompositi trapiantabili per imitare efficacemente la produzione di insulina.
 
La startup svedese di bioprinting Fluicell ha raggiunto un traguardo significativo nello sviluppo di farmaci per il trattamento del diabete di tipo 1. Per la terapia del diabete, è stato sviluppato un biocomposito a rilascio di insulina biostampato basato su tessuti prodotti con il sistema Biopixlar di Fluicell. Il metodo descrive Fluicell sul suo sito web .

 
Ad oggi, non esiste una cura nota per il diabete di tipo 1 . La malattia autoimmune cronica, in cui il sistema immunitario del corpo scompone le cellule beta produttrici di insulina nel pancreas, viene principalmente trattata con iniezioni di insulina. Sebbene questo tipo di terapia sia per lo più efficace, presenta le sue sfide, tra cui tempistica e accessibilità.

Fondata nel 2012 come spin-out della Chalmers University of Technology, Fluicell ha studiato per sviluppare una terapia del diabete alternativa che utilizza biocompositi trapiantabili per imitare efficacemente la funzione pancreatica attraverso la produzione di insulina.

Il Direttore Scientifico di Fluicell Dr. Tatsiana Lobovkina ha già fissato un’entusiasmante pietra miliare con il successo della biostampa di questo biocomposito. È stato dimostrato che il biocomposito è in grado di rilasciare insulina in funzione della stimolazione del glucosio. Secondo Fluicell, questo è un indicatore importante del potenziale del progetto per sviluppare in definitiva una terapia per il diabete di tipo 1.

Dott. Lobovkina, project manager per questo progetto presso Fluicell, afferma:

“Abbiamo avuto risultati promettenti nel nostro sviluppo di biocompositi che producono insulina che utilizzano il potere di Biopixlar per creare tessuti biologici dettagliati con funzioni programmabili. Con Biopixlar possiamo selezionare uno o più tipi di cellule, comprese le cellule beta produttrici di insulina, e avere il controllo sulla loro posizione e sull’istologia del tessuto risultante. Vediamo un grande potenziale nello sviluppo di nuovi prodotti a base di tessuti per il trattamento del diabete”.
Funzioni di bioprinting ad alta risoluzione grazie alla bioprinter Biopixlar
La biostampante Biopixlar di Fluicell è stata determinante per il successo del progetto fino ad oggi. La macchina è stata lanciata alla fine del 2019 e combina funzioni di bioprinting 2D e 3D ad alta risoluzione. Basato sulla tecnologia microfluidica, il Bioprinter è adatto per una vasta gamma di applicazioni di ricerca, tra cui lo sviluppo di farmaci, la comprensione delle malattie e la ricerca nella medicina rigenerativa.

Sebbene il progetto di ricerca sia ancora nelle prime fasi di sviluppo, il concetto per il trattamento del diabete mostra risultati promettenti.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi