Il mese scorso la polizia ha dichiarato di aver effettuato uno dei più grandi sequestri di componenti di armi da fuoco stampati in 3D nel Regno Unito.
Il 7 ottobre, gli ufficiali del comando specializzato in crimini della polizia metropolitana avevano scoperto quella che sostenevano fosse una “sospetta fabbrica di armi da fuoco 3D improvvisata” in una casa a Londra.
Gli ufficiali hanno affermato che ha dimostrato come “la minaccia emergente delle armi da fuoco 3D continui ad evolversi”.
La scoperta arriva mentre alcuni esperti avvertono anche di una crescente minaccia.
 
Le prime versioni delle pistole stampate in 3D erano armi a colpo singolo inaffidabili. Ora la National Crime Agency (NCA) dice alla BBC che le armi sono “credibili e fattibili”.
Matthew Perfect dell’NCA, capo del National Firearms Targeting Centre, afferma che le ultime armi 3D sono “cose ​​che sicuramente, sicuramente non vorresti vedere per le strade del Regno Unito”.
 
“Queste sono armi automatiche. Queste sono armi che sono in grado di sparare più colpi”, ha detto.
Al momento, i componenti stampati in 3D formano solo alcune delle parti necessarie per realizzare una pistola, al massimo dall’80 al 90% dell’arma, afferma Mr Perfect.
I componenti metallici chiave come la canna in genere devono essere fabbricati in modi più tradizionali. E le pistole richiedono ancora munizioni.
Di conseguenza Mr Perfect è fiducioso che le pistole possano ancora essere rilevate dai “normali processi di sicurezza”.
 
 
Ma queste armi da fuoco sono difficili da rintracciare poiché sono prodotte senza numeri di serie.
La polizia sta sequestrando armi stampate in 3D in numero maggiore. Dall’inizio dello scorso anno ci sono stati 21 recuperi di armi, un “aumento significativo” rispetto agli anni precedenti, anche se ancora piccolo rispetto alle armi convenzionali, afferma Perfect.
 
Le difficoltà nel trasporto di armi attraverso i confini durante la pandemia di coronavirus potrebbero aver contribuito all’interesse dei criminali per le armi stampate, suggerisce.
Peter Squires, professore di criminologia e politiche pubbliche all’Università di Brighton, ha affermato che la minaccia è destinata a crescere.
“Le cose si sono mosse abbastanza velocemente”, ha detto alla BBC, aggiungendo che il ritmo è solo leggermente superiore alle aspettative.
“Sicuramente anticiperei di più, la tecnologia è là fuori… e il software e i progetti sono disponibili sul web.”
E anche se alcune delle pistole “di plastica” che dice rimangono relativamente inaffidabili, hanno ancora il potere di intimidire; le pistole, osserva, vengono sparate solo in circa il 20% dei crimini con armi da fuoco.
 
Rajan Basra, ricercatore senior presso il Centro internazionale per lo studio della radicalizzazione al King’s College di Londra, afferma che la situazione nel Regno Unito rispecchia una tendenza visibile in tutta Europa.
 
Mentre la maggior parte degli estremisti violenti preferirà armi consolidate, le pistole stampate sono un’alternativa per coloro che non possono ottenere armi da fuoco illegali.
“Abbiamo assistito a una successione costante di estremisti che cercavano di realizzare pistole stampate in 3D o addirittura di usarle da soli”, ha affermato.
“Abbiamo visto casi in Spagna, Svezia, Germania, nei Paesi Bassi e diversi qui nel Regno Unito”.
Ha detto che la netta maggioranza di questi casi ha coinvolto membri di gruppi di estrema destra. Altri gruppi terroristici sembrano meno interessati alla tecnologia.
In parte, suggerisce il dottor Basra, ciò è dovuto al fatto che le discussioni sui forum e sulle comunità di estrema destra a volte includevano istruzioni su come produrre armi stampate in 3D.
A giugno, membri di un gruppo terroristico di estrema destra sono stati condannati dalla Sheffield Crown Court . È stato rivelato che la polizia aveva trovato un’arma da fuoco stampata in 3D parzialmente costruita nella casa di due membri del gruppo.
Il dottor Basra avverte che le armi “si stanno spostando verso il mainstream” e verso le principali piattaforme Internet.
Anche l’emergere di nuove armi automatiche molto più potenti dei primi progetti a colpo singolo ha aumentato la loro attrattiva.
Tra gli estremisti, ha detto, gli esperti hanno visto riferimenti ricorrenti a un modello semiautomatico, l’FGC – il nome è un acronimo che esprime, in un linguaggio forte, l’opposizione al controllo delle armi.
“È un’arma specifica progettata per essere utilizzata con parti che non sono regolamentate nell’UE”, ha affermato il dott. Basra.
L’arma è stata pubblicata online nella primavera del 2020 con istruzioni dettagliate. Viene fornito con un manuale di oltre 100 pagine e video su come passare attraverso ogni fase del processo di produzione, ha aggiunto il dott. Basra.
Mr Perfect, della NCA, afferma che le versioni modificate della pistola possono essere “buone come qualsiasi arma da fuoco automatica che acquisteresti da un produttore affidabile”.
 
Ma la polizia ci tiene a sottolineare che la violenza armata nel Regno Unito è ancora relativamente rara – circa 35 omicidi all’anno secondo le stime di Mr Perfect.
E l’uso di un’arma automatica attirerebbe molta attenzione della polizia. Ma i criminali vogliono queste armi per intimidire altri criminali.
Per questo hanno bisogno di un’arma credibile e le pistole 3D stanno ora guadagnando quella credibilità, grazie a design migliori e una migliore tecnologia di stampa, una tecnologia che cambia e migliora continuamente.
Tecnologie in evoluzione
Christian Goblas, un esperto di balistica presso l’Università francese di Rouen, ha recentemente dichiarato a Euractiv che la “stampa metallica 3D” potrebbe diventare accessibile nel prossimo decennio, il che potrebbe rendere le armi autocostruite più durevoli e affidabili.
E Europol ha detto alla BBC che le autorità nazionali all’interno dell’UE hanno scoperto una serie di casi di produzione, vendita e possesso di armi e parti stampate in 3D.
Alcune delle armi e dei componenti sono stati offerti su mercati illeciti del dark web, che secondo Europol hanno mostrato le sinergie tra il commercio di armi da fuoco e il crimine informatico.
L’organizzazione ha osservato che mentre la produzione di un’arma da fuoco stampata in 3D completa era ancora una sfida, “la tecnologia avanzata in rapida evoluzione potrebbe far emergere questa minaccia come una minaccia più significativa nel prossimo futuro”.
Ma il dottor Basra avverte di un altro rischio. I terroristi hanno una storia di metodi di copia che in precedenza si sono dimostrati efficaci. Ha detto che c’è stato un aumento degli attacchi terroristici in cui un veicolo è stato guidato tra la folla dopo l’attacco di Nizza del 2016.
Dice che se le armi stampate in 3D vengono utilizzate in un attacco che causa vittime di massa, ciò invierebbe a sua volta un messaggio che “le pistole stampate in 3D sono fattibili e sono efficaci”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi