Novameat stampa in 3d un modello di carne a base cellulare più grande del mondo

Novameat, startup alternativa per la carne, ha svelato quello che definisce il più grande pezzo di analogo di carne intero a base cellulare al mondo. Dalla sua fondazione nel 2018, la startup con sede a Barcellona ha stampato in 3D sostituti della carne a base vegetale per combattere il sistema agricolo globale insostenibile e insufficiente e risolvere il problema dell’approvvigionamento alimentare mondiale. La notizia arriva settimane dopo che Novameat ha ricevuto 250.000 € attraverso il governo spagnolo per aumentare la produzione di carne stampata in 3D integrando la sua tecnologia di microestrusione in macchine da stampa industriali ad alto rendimento.

La tecnologia proprietaria di Novameat imita la consistenza, il gusto, l’aspetto e le proprietà nutrizionali dei prodotti a base di carne animale, comprese le bistecche di manzo. Sulla base della ricerca decennale di ingegneria dei tessuti del CEO e fondatore Giuseppe Scionti, la piattaforma di microestrusione dell’azienda utilizza grassi vegetali (3%), acqua (72%) e fonti di proteine ​​vegetali (25%) per stampare una matrice di fibre di carne che abbia un aspetto e ha il sapore della cosa reale.

In un’intervista al sito multimediale FoodNavigator , Scionti ha rivelato che l’ultimo sviluppo di Novameat, insieme alla tecnologia di stampa 3D che lo ha creato, potrebbe essere un punto di svolta per l’industria della carne coltivata. Scionti ha definito il suo nuovo prodotto un “analogo ibrido della carne” poiché la sua azienda ha mescolato cellule adipose di mammiferi con uno scaffold su larga scala biocompatibile a base vegetale con un volume di 22.500 mm 3 .

L’impresa di Novameat ha persino superato il precedente più grande scaffold per sostenere le applicazioni di carne coltivata. Nel dicembre 2020, gli scienziati della società di ricerca genetica sudcoreana Eone Diagnomics Genome Center (EDGC) avevano ricevuto l’attenzione dei media dopo aver stampato in 3D un’impalcatura che poteva contenere un volume di 17.000 mm 3 . L’azienda faceva affidamento sulla tecnologia di stampa 3D per la produzione di carne coltivata e aveva già superato tutti i precedenti in termini di dimensioni.

Guidato dalla Junior Research Scientist e biotecnologa di Novameat Esther Plans Cortinas, il complesso progetto fa parte dell’obiettivo della startup di creare “carne pulita”. Lo sviluppo potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di gas serra nell’agricoltura, l’uso della terra e dell’acqua, superando le sfide dell’attuale industria dell’agricoltura animale, insostenibile e inefficiente, creando un sistema di approvvigionamento alimentare sano, efficiente, umano e sostenibile.

In uno dei recenti post su Instagram di Novameat , i follower hanno chiesto informazioni sul gusto e sulla consistenza della nuova carne finta. Per quanto riguarda il gusto, “non è ancora pronto”, ha detto l’azienda, ma la consistenza è “fibrosa”. Molte aziende produttrici di carne a base di cellule e vegetali hanno difficoltà a ricreare la consistenza e il gusto della vera carne. Emulare la sensazione in bocca e persino l’odore può essere difficile da conciliare. Inoltre, per attirare il consistente segmento della popolazione carnivora, anche la sensazione di masticazione deve essere simile alla carne vera.

A livello globale, consumiamo 346,14 milioni di tonnellate di carne ogni anno. Nel 2030 questo numero potrebbe vedere un aumento del 44%. Tuttavia, le proiezioni della domanda mondiale di carne sono incerte, soprattutto considerando la crescente domanda di alternative alla carne e il boom del mercato della carne finta. Per Novameat, la rivoluzione della bistecca alternativa potrebbe essere dietro l’angolo. L’azienda ha in programma di lanciare il suo sistema di produzione di sostituti della carne nel settore della ristorazione nel 2021. La piattaforma include una stampante personalizzata che consentirà alle aziende di creare i tessuti necessari per preparare la bistecca.

Nell’ambito della sua strategia di crescita, Novameat ha anche annunciato una collaborazione con Disfrutar , spin-off del famoso ristorante pioniere della gastronomia molecolare El Bulli . I tre chef dietro il ristorante Disfrutar due stelle Michelin aprono nuovi orizzonti ogni giorno creando cibo che sembra arte e incorpora un delizioso gusto mediterraneo. La collaborazione con menti altrettanto innovative nel settore alimentare può aiutare Novameat a sfruttare la sua tecnologia avanzata e alla fine aiutare a risolvere alcuni degli oneri più complessi del pianeta.

“Disfrutar avrà pieno accesso alla tecnologia brevettata di microestrusione di Novameat attraverso la stampa 3D”, ha affermato Scionti in una recente intervista a The Spoon . “Il laboratorio di creatività di Disfrutar ora ha già la prima stampante 3D di Novameat situata fuori dall’Innovation Lab di Novameat. I tre chef lavorano da due decenni come chef di El Bulli e due di loro (Oriol Castro e Eduard Xatruch) facevano parte del leggendario laboratorio di creatività di El Bulli, ElBullitaller. Questo gruppo di chef è lo stesso che ha inventato la tecnica di sferificazione della gastronomia molecolare “.

Aziende come Novameat sono all’incrocio tra tecnologia e cibo. Gli alimenti ecologici o attenti al benessere degli animali stanno ricevendo una seria attenzione da parte dei consumatori. Incredibilmente mentre la pandemia COVID-19 ha capovolto la tradizionale catena di approvvigionamento della carne, giganti del cibo come KFC e McDonald’s hanno annunciato l’introduzione di nuovi hamburger di carne a base vegetale o crocchette di pollo coltivate in laboratorio. Negli ultimi anni, le startup di carne pulita hanno navigato in uno dei più grandi settori dell’economia globale, l’industria alimentare dominata da un numero relativamente piccolo di aziende che esercitano un’enorme influenza. Interrompere un intero settore non è mai facile, ma passaggi significativi come l’analogo della carne intera a taglio cellulare di Novameat sono fondamentali per costruire un futuro governato da fonti di carne non convenzionali.

Be the first to comment on "Novameat stampa in 3d un modello di carne a base cellulare più grande del mondo"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi