Origin One di Stratasys utilizzata per progettare e produrre dispositivi per il trattamento dei pidocchi

Piattaforma di stampa 3D Origin One utilizzata per progettare e produrre dispositivi per il trattamento dei pidocchi

La piattaforma di stampa 3D Origin One di Stratasys è stata sfruttata per progettare e produrre un nuovo dispositivo per il trattamento dei pidocchi a un costo ridotto.

Enventys Partners , un’agenzia di lancio del prodotto, ha utilizzato la tecnologia di fotopolimerizzazione programmabile (P3) di Origin per prototipare e produrre il prodotto per uso finale, che ha una domanda prevista tra le 200 e le 300 unità all’anno.

Il dispositivo per il trattamento dei pidocchi è commercializzato da FloSonix Ventures e promette una “migliore esperienza utente con una migliore ergonomia” per i tecnici. FloSonix ed Enventys si sono rivolti alla stampa 3D perché i costi associati agli utensili e allo stampaggio a iniezione per il dispositivo, che è costituito da una gamma di componenti in plastica, si sono rivelati troppo costosi.

Nella stampa 3D del dispositivo, è stato utilizzato il portafoglio di resine per stampa 3D Loctite di Henkel, con Loctite 3D 3843, IND403 e MED413 che soddisfano i requisiti di FloSonix per tenacità, temperatura e colore, fornendo anche un’elevata stabilità dimensionale delle parti e un’eccezionale finitura superficiale. Un materiale sterilizzabile finale ha inoltre consentito a FloSonix di fornire puntali riutilizzabili invece di materiali di consumo monouso.

FloSonix Ventures ha creato uno strumento che utilizza un flusso controllato di aria riscaldata per disidratare le uova dei pidocchi sul cuoio capelluto e sul fusto del capello, il che significa che non possono continuare il loro ciclo di vita. Il dispositivo è dotato di una tecnologia intelligente incorporata che, secondo il sito web, “garantisce che le impostazioni del flusso d’aria e della temperatura rimangano accurate ed efficaci”. FloSonix aveva bisogno di progettare e fabbricare il dispositivo per il trattamento dei pidocchi in modo che avesse una migliore ergonomia per i tecnici e ha contattato i partner Enventys per assistenza. La società ha stabilito che la stampa 3D sarebbe il modo migliore per consegnare il prodotto, in quanto sarebbe meno costoso creare i molteplici componenti in plastica necessari per circa 200-300 dispositivi all’anno con la tecnologia additiva rispetto ai metodi di lavorazione sottrattiva convenzionali.

Nella ricerca di una soluzione che potesse creare il tipo di prodotto di alta qualità di cui FloSonix aveva bisogno, Enventys Partners ha scoperto che mentre la maggior parte delle stampanti 3D industriali non sarebbe in grado di fornire le proprietà estetiche, termoresistenti e meccaniche di cui questo particolare dispositivo medico necessita, la stampante 3D Origin One di Stratasys potrebbe farlo.


Altri vantaggi dell’utilizzo della stampa 3D hanno incluso l’aumento della libertà di progettazione e il controllo sull’intero processo. Con lo stampaggio a iniezione, sarebbero state necessarie più parti per produrre la parte, e probabilmente anche diversi fornitori diversi. Si dice che il solo utilizzo della piattaforma Origin One per progettare, testare e produrre il dispositivo abbia dato a Enventys e FloSonix una fiducia nelle parti e la capacità di perseguire “soluzioni di progettazione che richiedono messa a punto e perfezionamento”.

“La stampante 3D Origin One ci ha permesso di fare diverse opzioni iniziali per il nostro cliente tra cui scegliere e quindi apportare piccole modifiche quasi in tempo reale senza ritardare il progetto di sostenere enormi spese”, ha commentato TJ Root, Senior Design Engineer per Enventys Partners. “Prototipando sulla stessa macchina che realizzerà le parti finali, abbiamo avuto estrema fiducia in ogni pezzo che stavamo realizzando”.

“L’approccio di Enventys Partners a questa applicazione è incredibilmente innovativo e rappresenta un processo ideale per qualsiasi marchio che immetta sul mercato un prodotto complesso di medio volume in modo rapido ed economico”, ha aggiunto Christopher Prucha, co-fondatore e capo del team Origin di Stratasys. “Utilizzando un primo approccio additivo; combinando parti, progettando trame personalizzate e sfruttando la selezione dei materiali di Origin One e la qualità finale delle parti, hanno creato un playbook per lo sviluppo del prodotto utilizzando la produzione additiva “.

Be the first to comment on "Origin One di Stratasys utilizzata per progettare e produrre dispositivi per il trattamento dei pidocchi"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi