Studio Makhno progetta l’insediamento concettuale all’interno del cratere marziano
 
Lo studio di architettura ucraino Makhno ha progettato un  insediamento  stampato in 3D per Marte  chiamato Plan C che circonderebbe il bordo di un cratere.

 
Il concetto è stato sviluppato durante il blocco del coronavirus, quando lo studio si stava interrogando su come la vita sotterranea potesse essere confortevole se la vita al piano terra della Terra fosse diventata difficile.

Plan C è un concetto per un insediamento marziano progettato da Makhno Studio
In risposta a ciò, Makhno Studio ha sviluppato una proposta per un bunker sotterraneo che ha fatto notizia a livello internazionale. Questo in seguito ha portato al Piano C, un concetto per un insediamento marziano.

La proposta vede un insediamento a forma di bagel situato all’interno di un cratere, che proteggerebbe lo sviluppo dalle condizioni ambientali di Marte, comprese le frequenti tempeste di sabbia, gli sciami di meteoriti e la radiazione solare.

L’insediamento è contenuto all’interno di una grande struttura ad anello che sarebbe costruita all’interno di un cratere
Le pareti esterne del Plan C sarebbero state costruite utilizzando stampanti 3D su larga scala poiché i livelli di ossigeno del pianeta renderebbero impossibile per gli esseri umani costruire senza tute spaziali, dispositivi di ossigeno e macchine di supporto vitale.

Le sue pareti proteggerebbero l’interno dalle dure condizioni atmosferiche e meteorologiche, ospitando anche sale pubbliche, sale da pranzo, aree di ricerca e tecniche, nonché zone notte.

Gli interni sono stati informati da Marte e dalla Terra
Secondo Makhno Studio, gli interni sono stati ispirati sia dalla Terra che da Marte, con tonalità naturali e terrose e superfici e arredi simili a rocce.

“L’atmosfera degli interni combina due mondi: lo sconosciuto Marte e la vicina e cara Terra”, ha affermato Makhno Studio.

“Le tempeste di sabbia erano responsabili della combinazione di colori, delle piante – della capacità di respirare profondamente e della scienza del futuro – della capacità di vivere su un pianeta morto”.

L’illuminazione al neon copre le pareti e le aperture tra i diversi spazi
Una grande sala pubblica ricca di piante estende l’intera struttura ad anello e si collegherà a tutti i diversi servizi dell’insediamento.

Fitoilluminazione, illuminazione a raggi ultravioletti e infrarossi che stimola la crescita delle piante, sarà installata in tutti i padiglioni e aiuterà le piante a convertire l’anidride carbonica e l’acqua in forniture di ossigeno.

La sala pubblica piena di piante mira a replicare le condizioni e la sensazione degli spazi verdi e aperti della Terra, fornendo ai residenti aria fresca e pulita.

 Questi spazi includono zone di assistenza medica, centri di ricerca che monitorano le condizioni planetarie e atmosferiche, laboratori chimici e biologici e blocchi amministrativi.

L’insediamento coltiverà la propria frutta e verdura in serre sferiche
Le serre sferiche dotate di fitolampade sono state progettate per assomigliare a piccoli pianeti e saranno utilizzate per scopi agricoli, coltivando e fornendo all’insediamento frutta e verdura.

Gli spazi notte sono dotati solo degli arredi essenziali e sono pensati per ospitare fino a due persone. Un grande schermo copre il soffitto e può essere utilizzato per guardare film, paesaggi nuvolosi e immagini spaziali.

“L’illuminazione al neon consente di sintonizzarsi su una discussione o accendere l’atmosfera di una festa marziana: nessuno ha annullato il tempo libero nello spazio”, ha spiegato lo studio.

I mobili sono stati ridotti al minimo nelle zone notte
Nel sito verranno costruiti una palestra e una struttura per il fitness per evitare che i residenti sviluppino problemi come l’atrofia muscolare a causa delle condizioni di bassa gravità.

Cyclette e piscine di lunghezza saranno organizzate lungo tratti stretti per aiutare coloro che si adattano alle condizioni di bassa gravità.

Gli spazi di esercizio occupano lunghi canali nelle sale curve tra alberi e piante
In una stanza vicina, le capsule galleggianti utilizzate per il recupero e il relax forniranno ai residenti fughe rilassanti e calmanti.

“La capsula aiuterà i nuovi abitanti di Marte a liberare i loro pensieri dalle tempeste di sabbia, ridurre l’impatto cosmico sul corpo e sulla mente e infine adattarsi alle nuove condizioni, una nuova casa”, ha affermato lo studio.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi