Prince è passato a miglior vita cinque anni fa, ma, rimane nel cuore dei suoi fan.

Anche se l’artista non è più con noi, la sua presenza è ancora palpabile. Oltre a un’enorme discografia, la residenza, lo studio e il luogo di musica del Prince’s Paisley Park a Chanhassen, nel Minnesota, sono stati convertiti in un museo aperto al pubblico. L’ultima aggiunta a quel sito si chiama ” The Beautiful Collection “, una nuova mostra a tempo limitato che esporrà oltre 300 paia delle scarpe iconiche dell’artista.

Per rendere omaggio alla vasta collezione, Stratasys è stata incaricata di stampare in 3D due pezzi estesi che devono ancora essere svelati pubblicamente. Per questo motivo, non abbiamo immagini delle opere, ma aggiorneremo questo articolo non appena l’eredità di Prince concederà i diritti per mostrarle pubblicamente.Uno di questi pezzi era una vetrina per pianoforte a coda stampata in 3D, con gambe progettate per replicare la famosa Cloud Guitar di Prince. Il pezzo è composto da 45 pezzi singoli, stampati in 3D sia con modellazione a deposizione fusa (FDM) che PolyJet. La chitarra è rappresentativa dell’impronunciabile “simbolo dell’amore” con cui l’artista ha cambiato il suo nome nel 1993 quando ha combattuto per la Warner Bros. per aver cooptato il suo nome di nascita, Prince.

Per replicare le chitarre, il team ha catturato 250 scansioni della Cloud Guitar di Prince, un processo che ha richiesto nove ore prima che fossero necessarie altre 50 ore per completare il progetto. Le gambe sono state quindi stampate in 3D in fibra di nylon 12-carbonio nel corso di 63 ore su una stampante Stratasys F900, necessaria per la forma grande.

Inoltre, il fedele sostenitore della stampa 3D ha prodotto un’immagine 9′ x 9′ dell’artista, che chiama la più grande tela stampata in 3D. L’opera è composta da 56 pezzi di denim bianco con oltre 347.000 punti PolyJet, di cui due uguali. PolyJet è in grado di stampare più di 500.000 combinazioni di colori, trame, sfumature e trasparenze fino al livello del micron. Mentre abbiamo visto PolyJet 3D stampato su tessuto , questa è la più grande applicazione della tecnologia in questo modo.

Insieme, i due lavori hanno impiegato 751 ore per la stampa, con 40,1 libbre (18,2 kg) di resina PolyJet e 2.150 unità cubiche di materiale FDM. Il progetto della tela ha richiesto 76 ore di stampa continua, con ogni punto una chiara cella sferica con strati di colore contenuti all’interno. C’è un forte potenziale per la stampa 3D nel mondo dei tessuti, ma la concorrenza nello spazio è ancora limitata. Oltre a Stratasys, Kornit Digital e Voxel8 sono le uniche due aziende di cui sono a conoscenza delle tecnologie di marketing per spruzzare la resina sui vestiti.

Indossato da Prince per eseguire “Purple Rain” agli American Music Awards del 1985. Immagine per gentile concessione di Tony Sylvers.
Il pianoforte ha richiesto 50 ore di lavoro di progettazione per produrre 38 parti strutturali in FDM, nylon 12 e fibra di carbonio utilizzando le macchine Stratasys F900 e Fortus 450. Sono state inoltre stampate le copertine ASA Black. Sette parti PolyJet sono state realizzate in VeroUltra bianco e VeroUltra nero per replicare i tasti del pianoforte e una decalcomania sulla chitarra che sarebbe stata altrimenti impossibile da realizzare. Il pezzo finale misura 61 x 84 x 44 pollici.

Come fan sfegatato di Prince, non posso resistere a un tour di Paisley Park. L’impulso per andarci ora è ancora più forte e, mentre probabilmente ci sono ammiratori ancora più devoti che mi farebbero vergognare, pochi saranno in grado di provare lo stesso amore per Prince e la stampa 3D come me.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi