Il software sviluppato dall’università che raddoppia le velocità di stampa 3D arriva sul mercato
 

Le vibrazioni durante la stampa 3D rallentano il processo o deformano le parti, ma il nuovo software potrebbe consentire ai produttori di mantenere la velocità senza sacrificare la precisione.

Il prodotto, inventato all’Università del Michigan e sviluppato dalla società spinoff Ulendo, è stato lanciato alla più grande conferenza sulla produzione additiva del Nord America, la RAPID + TCT Conference.

Il software funge essenzialmente da traduttore tra i comandi che stamperebbero la parte in un mondo perfetto e come la macchina deve compensare le vibrazioni nel mondo reale. Funziona per stampanti che spostano meccanicamente una testina di stampa.

“Se vuoi ridurre le vibrazioni in un oggetto in movimento, la maggior parte delle volte puoi farlo rallentando. Ma poiché la stampa 3D è già molto lenta, quella soluzione crea un altro problema”, ha affermato Chinedum Okwudire , professore associato di ingegneria meccanica e fondatore di Ulendo . “La nostra soluzione consente di stampare velocemente senza sacrificare la qualità”.

Di conseguenza, le stampanti potrebbero raddoppiare la loro velocità senza consumare molta più energia, riducendo potenzialmente anche il costo per parte stampata.

Il software Ulendo si chiama FBS, che sta per Filtered B Splines. Quel nome tecnico si riferisce alla funzione matematica utilizzata dal team di Okwudire per tradurre i comandi della macchina dall’aspettativa ideale a comandi che compenserebbero le vibrazioni nella stampante 3D.

Chinedum Okwudire e gli studenti nel suo laboratorio dell’Università del Michigan hanno dimostrato una prima versione del software FBS nel 2017. Credito: Evan Dougherty, Michigan Engineering
Supponiamo che tu voglia che una stampante 3D viaggi dritta, ma a causa delle vibrazioni, il movimento si sposta verso l’alto. L’algoritmo FBS inganna la macchina dicendole di seguire un percorso verso il basso e quando cerca di seguire quel percorso, viaggia dritto”, ha detto Okwudire.

Okwudire ha iniziato a pensare a soluzioni software per le vibrazioni mentre lavorava nell’industria, di fronte a una fresatrice utensile ad alta precisione che vibrava. Il suo team non è riuscito a irrigidire la macchina per evitare vibrazioni, quindi sono stati costretti a rallentarla.

A partire da UM come professore nel 2011, Okwudire ha avuto la libertà di progettare software in grado di superare le vibrazioni della macchina. Poi, nel 2017, uno studente laureato in ingegneria meccanica del laboratorio di Okwudire ha implementato il software su una stampante 3D.

Quando la ricerca è stata evidenziata con un video di YouTube , i commentatori hanno reso evidente il mercato per la soluzione e Ulendo è nato attraverso Innovation Partnerships presso UM. Gran parte dello sviluppo commerciale è stato finanziato attraverso una sovvenzione MTRAC della Michigan Economic Development Corporation e una sovvenzione per la ricerca sull’innovazione delle piccole imprese dalla National Science Foundation.

“I membri dell’industria della stampa 3D hanno la stessa reazione sbalorditiva che ho avuto quando ho sentito per la prima volta di come questa tecnologia si traduce in una stampante che funziona a due volte la velocità e 10 volte l’accelerazione”, ha affermato Brenda Jones, CEO di Ulendo.

Okwudire e il suo team lavoreranno per espandere l’algoritmo ad altri tipi di macchine, inclusi robot, macchine utensili e altri tipi di stampanti 3D. A RAPID + TCT , presenterà anche l’ultima tecnologia del suo laboratorio, SmartScan . Questo software sposta in modo intelligente un raggio laser per prevenire la deformazione dovuta all’accumulo di calore nelle parti stampate attraverso la fusione del letto di polvere, una tecnica che scioglie la polvere in parti stampate in 3D.

L’Università del Michigan ha un interesse finanziario in Ulendo.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi