Wikifactory il GitHub per l’hardware

Wikifactory assicura 4,5 milioni di dollari per democratizzare l’innovazione

L’era della democratizzazione del nostro lavoro e delle nostre risorse è ormai alle porte. Viviamo in un’epoca in cui puoi ordinare cibo da quasi tutti i ristoranti e un servizio di terze parti paga un utente casuale dell’app per consegnarlo a casa tua.

Wikifactory si è autoproclamato come “GitHub per l’hardware”. Se non sei a conoscenza, GitHub sfrutta il know-how globale dei suoi utenti per aiutare a sviluppare il software più velocemente, democratizzando il lavoro che deve essere fatto. Gli obiettivi di Wikifactory sono di fare lo stesso con l’hardware e gli investitori stanno chiaramente prendendo nota.

Wikifactory ha lanciato la sua beta a maggio 2019 e ha recentemente chiuso il suo ultimo round di finanziamento da 3 milioni di dollari , assicurandosi fino ad oggi più di 4,5 milioni di dollari in finanziamenti seed. Attualmente, l’azienda vanta una comunità di 70.000 membri in 190 paesi che lavorano su più di 3.000 progetti.

Sistema abbastanza familiare
Sebbene Wikifactory stia lavorando per democratizzare l’innovazione, non lo fa gratuitamente. Proprio come altre piattaforme CAD aperte, l’azienda fornisce un’opzione gratuita, ma i progetti di un utente vengono lasciati completamente allo scoperto. Non ci sono informazioni proprietarie qui. Gli altri piani prevedono canoni mensili e forniscono innovazione privatizzata tra la comunità di ingegneri.

Il co-fondatore e presidente esecutivo dell’azienda, Nicolai Peitersen, ha dichiarato: “La collaborazione globale su larga scala per realizzare cose fisiche sta avvenendo sia per l’open-source che per lo sviluppo di prodotti proprietari”.
Wikifactory ha anche lanciato uno “Strumento CAD collaborativo” che, secondo l’azienda, “rende ancora più semplice e facile condividere gli aggiornamenti sui progressi, fondamentali per velocizzare la fase di prototipazione e produzione”.

COVID ha cambiato le cose
Molte aziende hanno subito uno shock per i loro sistemi con l’inizio di COVID-19. La vulnerabilità all’interno delle catene di approvvigionamento è stata resa più evidente che mai. Ecco dove ha affermato Peitersen: “la necessità di un’infrastruttura online alternativa e praticabile per prototipare e produrre prodotti a livello locale, secondo uno standard elevato e in modo sostenibile, non è mai stata più pertinente e necessaria”.

Poiché il sistema di Wikifactory è completamente basato sul web, la società ha affermato che “lo strumento CAD 3D, il sistema di documentazione, l’unità di controllo della versione, le funzionalità sociali, lo strumento di pubblicazione di blog, il mercato globale degli sviluppatori di prodotti e dei fabbricanti digitali sono integrati in un sistema online senza interruzioni. “

La fabbrica è davvero appena trasferita sul desktop?
La nuova versione della piattaforma di collaborazione aziendale virtuale dell’azienda ha affermato di aver sostanzialmente spostato la fabbrica sul desktop, proponendo questa piattaforma come una combinazione di uno strumento di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) virtuale / cloud e una risorsa per la raccolta di talenti.

Secondo Peitersen, “La produzione globale dell’industria manifatturiera, del valore di 35 trilioni di dollari, sta finalmente avendo il suo momento sul web. Quello che stiamo vedendo è un cambiamento profondo e sistemico nel modo in cui la trasformazione digitale sta influenzando il sistema di produzione. La collaborazione online e la produzione distribuita stanno diventando mainstream e questa è una trasformazione molto più grande dell’Industria 4.0. Lo chiamiamo Internet della produzione “.

E, in una certa misura, potrebbe avere ragione.

La raccolta di talenti e la collaborazione attraverso un PLM unificato hanno un potenziale reale per diventare una risorsa preziosa, ma il mondo della produzione e delle catene di fornitura veramente ottimizzate è ancora lontano. Se la produzione si limita a componenti standard e si effettua semplicemente un ordine, ciò potrebbe sicuramente portare a una soluzione rivoluzionaria. Ma la produzione che richiede qualsiasi tipo di componente progettato o prodotto su misura richiederà comunque un’infrastruttura più ampia di quella che Wikifactory offre attualmente.

Il futuro della produzione ha molto in arrivo e Wikifactory potrebbe essere in procinto di piantare i primi semi.

Be the first to comment on "Wikifactory il GitHub per l’hardware"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi