Ford produrrà in serie parti stampate in 3D in metallo per auto popolari

Ford Motor Company  ha reso pubblico che produrrà in serie un nuovo componente automobilistico con la stampa 3D in metallo nei prossimi due o tre anni. In particolare, il leader tecnico AM per Ford, Harold Sears, ha affermato che farà affidamento sul getto di legante metallico di ExOne  per passare alla produzione su vasta scala della parte finale. Poiché perfeziona il processo di produzione di massa di questo articolo, prevede di espandere la tecnologia ad altre parti.

Ford utilizza da tempo la stampa 3D , prima affidandosi alla tecnologia per la prototipazione e poi diventando uno dei primi utilizzatori e partner di sviluppo per processi all’avanguardia , come la sintesi della luce digitale di Carbon . Non sorprende quindi che sarebbe un leader nell’uso della produzione additiva (AM) per le parti terminali in metallo.La chiave per lo sviluppo è stato un recente risultato con ExOne per stampare in 3D l’alluminio 6061 con proprietà fisiche paragonabili ai componenti pressofusi. La capacità di stampare in 3D e sinterizzare il metallo in modo ripetibile ha reso Ford “convinta che la produzione additiva sia scalabile fino a volumi che supportano il settore automobilistico”, secondo Sears .

Sebbene Sears non abbia specificato quale parte sarebbe stata realizzata per quale veicolo, tranne che è “un modello molto popolare” di veicolo Ford, ha notato che avrà peso e dimensioni ridotti, nonché prestazioni migliorate e costi e tempi di produzione inferiori a causa della ridotta complessità in termini di montaggio. Ciò suggerisce che più componenti possono essere consolidati in un unico elemento. “Abbiamo trovato un’applicazione in cui il design per la produzione additiva si adatta perfettamente”, ha affermato Sears.

Ford è passata al getto di legante a causa di problemi inerenti alla fusione del letto di polvere laser (LPBF). Ha testato l’uso di LPBF con l’alluminio, ma ha riscontrato che le strutture di supporto sono difficili. Al contrario, il getto di legante può produrre grandi lotti di parti con la tecnologia di post-elaborazione che è già standard nello stampaggio a iniezione di metalli. L’unico problema era che non era disponibile alcun materiale in alluminio per la loro applicazione.

 
Poiché ExOne stava già sviluppando l’alluminio, ha collaborato con Ford per accelerare il processo e, un anno e mezzo dopo, hanno raggiunto il loro obiettivo. In effetti, sono stati in grado di andare oltre la semplice preparazione del metallo per il getto di legante, hanno anche perfezionato la post-elaborazione per la tecnologia per ottenere le proprietà delle parti necessarie.

Il passo successivo è finalizzare lo sviluppo della parte stessa. Ciò, a sua volta, porterebbe ad altre applicazioni per l’azienda.

“La stampa 3D in alluminio ad alta velocità apre la strada ad altre opportunità a cui stiamo iniziando a dare un’occhiata a causa della capacità di realizzare parti complesse con l’alluminio che in precedenza non erano possibili. Sta davvero aprendo le porte ad altre opportunità”, ha detto Sears.
È interessante notare che questa notizia arriva poco dopo che Volkswagen ha annunciato che avrebbe stampato in 3D una parte finale per il prossimo convertibile T-Roc . La tecnologia scelta è Metal Jet, l’interpretazione di HP del legante metallico a getto. VW mira a produrre circa 100.000 componenti all’anno entro il 2025 utilizzando il processo e ora sta testando la parte T-Roc.

Se questi due giganti dell’auto renderanno pubblico il loro uso della stampa 3D in metallo per la produzione di parti terminali, possiamo solo supporre che siano la punta dell’iceberg. Abbastanza presto, altri concorrenti nel campo riveleranno i loro usi di AM per le parti terminali e, ehi, forse troverai un componente stampato in 3D sulla tua prossima, nuova auto.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi