ROMI serie D stampanti 3d ibride

Il produttore di macchine ROMI sta introducendo nuove macchine di produzione ibride con la serie D.

Il produttore di macchine ROMI ha presentato diverse nuove macchine di produzione ibride con la serie D. Le macchine promettono un passaggio semplice e senza complicazioni dalla produzione additiva a quella sottrattiva e viceversa. La nuova serie D è adatta per la riparazione di parti e lavori in cui la stampa 3D promette un maggiore risparmio di tempo e meno spreco di materiale rispetto ai metodi di produzione convenzionali.

Il produttore di macchine utensili ROMI ha presentato una nuova serie di macchine di produzione ibride in un comunicato stampa . Le macchine sono adatte per la riparazione di parti e svolgono anche lavori in cui la produzione additiva può far risparmiare tempo e sprechi. Combinano i processi di lavorazione tradizionali con la produzione additiva del metallo. DMG Mori offre anche macchine di produzione ibride, come il sistema di ablazione laser LASERTEC 400 Shape.

La nuova serie D è composta dalla D 800 , D 1000 e D 1250 . Tutti e tre i modelli hanno una fusione robusta e pesante, guide a rulli su tutti gli assi, un grande mandrino a trasmissione diretta e volumi massimi di lavorazione di 787,4 x 609,6 x 635 mm , 1016 x 609,6 x 635 mm e 1270 x 609,6 x 635, 0 mm . Il centro di lavoro ad asse verticale Romi DCM 620-5X con cinque assi è disponibile anche come ibrido.

Il passaggio dalla produzione additiva a quella sottrattiva è molto semplice con le macchine Romi. La testa additiva viene portata in posizione da un cambio utensile automatico. Il processo additivo di deposizione laser può quindi iniziare sul pezzo in lavorazione.

Gli ibridi della serie D sono stati creati in connessione con le tecnologie di produzione ibrida. Oltre dieci teste di elaborazione AMBIT FLEX di Hybrid Manufacturing Technologies sono incluse nella serie D. Le teste di lavorazione possono essere utilizzate con materiali metallici , polimerici o compositi.

La compensazione termica della serie D è monitorata con sensori per migliorare la precisione. I singoli modelli hanno tutti un Fanuc 0i-MF i-HMI-CNC con touchscreen da 15 pollici. Un pacchetto di qualità e ad alta velocità garantisce migliori prestazioni di elaborazione.

Rafael Boldorini, General Manager di Romi USA, spiega:

“Sebbene non abbiamo inventato la produzione additiva, l’abbiamo resa più accessibile alle piccole imprese con la nostra linea standard di CNC ibridi. In precedenza, i clienti dovevano spendere ben più di $ 1.000.000,00 per utilizzare queste funzionalità. Costruendo la nostra serie D appositamente per la produzione ibrida, possiamo offrire una macchina entry-level a un prezzo molto più conveniente. Ciò ha consentito a molte aziende di beneficiare di questa potente tecnologia “.

I centri di lavoro verticali sono il risultato di un’ampia ricerca del cliente. Gli utenti beneficiano di una maggiore produttività e di risultati più precisi e robusti.

Be the first to comment on "ROMI serie D stampanti 3d ibride"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi