Rawlplug e la stampa 3d sls

L’INVENTORE DEI WALL PLUG RAWLPLUG ADOTTA LA STAMPA 3D SLS PER LA PROTOTIPAZIONE DI QUALITÀ PER L’USO FINALE

Rawlplug può vantare oltre 100 anni di esperienza nel mercato degli utensili elettrici, compreso lo sviluppo del primo wall plug al mondo, ma l’azienda è sempre alla ricerca di opportunità per rendere i suoi progetti di ricerca e sviluppo più veloci, economici ed efficienti.

In passato, il laboratorio di attrezzeria dell’azienda ha condotto test di controllo della qualità del prodotto tramite modelli stampati in 3D esternalizzati, prima di stampare a iniezione i suoi prodotti finali. Tuttavia, passando alla prototipazione interna e adottando il sistema Lisa Pro di Sinterit , Rawlplug è stato di recente in grado di accelerare il processo di iterazione della progettazione e di testare rapidamente ancoraggi, elementi di fissaggio e fissaggi che sono più rappresentativi del prodotto finale.

“Posso affermare con sicurezza che oggigiorno la stampa 3D è una delle strade più importanti per la prototipazione”, ha affermato Dominika Zarowna, Design Engineer di Rawlplug. “Dato che siamo in grado di controllare determinate soluzioni su una stampa, dobbiamo creare un numero molto inferiore di moduli prototipo. Risparmia una notevole quantità di tempo, sia per noi che per l’officina. “

“ABBIAMO ESPERIENZA CON LE STAMPANTI 3D FDM E SLA, MA PER STAMPARE MOLTI PICCOLI ELEMENTI, COME I TASSELLI, LA SLS È LA TECNOLOGIA MIGLIORE”.

Nel 1910, l’inventore britannico John Joseph Rawlings fu incaricato dal British Museum di apporre raccordi elettrici alle pareti dei suoi edifici in modo discreto. A tal fine, Rawlings ha creato e brevettato un dispositivo di fissaggio piccolo e sicuro, che ha soprannominato “Rawlplug”, ma ora è diventato noto semplicemente come “presa a muro”.

Probabilmente, l’invenzione di Rawlings ha costituito la base della moderna industria dei fissaggi e fino ad oggi, la sua eredità vive attraverso la sua azienda che porta ancora il soprannome di Rawlplug. Negli ultimi 111 anni, l’azienda ha continuato a costruire un ampio portafoglio di prodotti di supporti, giunti e utensili elettrici, che sono stati utilizzati nella costruzione di edifici che vanno dal Burj Khalifa allo stadio di Wembley.

In quel periodo, anche il flusso di lavoro di prototipazione di Rawplug ha fatto passi da gigante, passando dalla produzione manuale tradizionale alla stampa 3D, ma fino a poco tempo fa, il processo era stato affidato a un fornitore esterno, aggiungendo costi, complessità e tempi di consegna inutili alla ricerca e sviluppo. dei suoi nuovi prodotti.

“Quando sono salito a bordo per la prima volta come nuovo assunto, eravamo soliti affidare la stampa a terzi”, ha spiegato Zarowna. “Questo spesso richiedeva una notevole quantità di tempo. Quello di cui avevamo bisogno era una nostra stampante 3D, in modo da ridurre al minimo i tempi di attesa. Allo stesso tempo, eravamo alla ricerca di nuove tecnologie “.

Per un po ‘di tempo, il team di ingegneri di progettazione di Rawplug voleva portare la prototipazione in-house, ma la spesa iniziale richiesta per adottare una stampante 3D SLS avanzata li ha effettivamente valutati fuori dal trasloco. Da allora, tuttavia, l’azienda ha scoperto che Lisa Pro di Sinterit rappresenta un’alternativa più compatta ed economica alle macchine industriali più grandi, installando il sistema presso la sua officina di attrezzaggio dedicata.

Sfruttando il loro sistema SLS economico, gli ingegneri di Rawlplug sono ora in grado di progettare nuovi prodotti e innovare su quelli esistenti a un ritmo più rapido di prima, fornendo così all’azienda l’agilità per ruotare rapidamente, cambiare la filosofia di progettazione e continuare a competere in ciò che è diventato un affollato mercato di utensili.

Lisa Pro di Sinterit è inoltre supportata da un ampio portafoglio di materiali , che consente al team di passare da una polvere all’altra e creare prodotti con funzionalità molto diverse nella stessa macchina. Dato che molte parti per uso finale sono prodotte utilizzando polipropilene (PP), l’azienda ha scoperto che il nuovo polimero PP di Sinterit è uno strumento di prototipazione particolarmente utile, in particolare quando si tratta di realizzare modelli finali di qualità delle parti.

Concentrarsi sulla qualità piuttosto che sulla quantità

Prima che Rawlplug adottasse Lisa Pro, il team voleva accelerare il processo di progettazione del prodotto, ma non a scapito della qualità delle parti. Di conseguenza, prima di acquisire il sistema, gli ingegneri hanno messo insieme un modello di test completo, che ne ha valutato l’accuratezza e la capacità di incorporare elementi annidati, cosa che non sarebbe stata possibile utilizzando altre macchine.

Da quando ha superato le sue valutazioni iniziali, Rawlplug ha scelto di installare la macchina, distribuendola per produrre circa il 95% dei suoi prodotti e affidando all’esterno solo parti più grandi una o due volte l’anno. Inoltre, l’azienda ha scoperto che il sistema produce una riduzione del numero di iterazioni necessarie per perfezionare il design di ogni prodotto, consentendogli di portarli sul mercato più rapidamente e ottenere un vantaggio sui suoi concorrenti.

“Lisa Pro non è la stampante 3D più veloce, ma per noi non è una grande preoccupazione, perché abbiamo ridotto i tempi di attesa per le stampe da 2 settimane a 2 giorni”, ha aggiunto Zarowna. “Abbiamo elaborato un sistema in cui iniziamo a stampare un venerdì pomeriggio e le stampe ci stanno già aspettando lunedì quando arriviamo al lavoro.”

Raccogliendo una settimana di progetti dai suoi progettisti e producendo più concetti contemporaneamente, l’azienda è anche riuscita a razionalizzare e ridurre al minimo il costo delle sue operazioni di ricerca e sviluppo complessive. Inoltre, la qualità dei prototipi stampati SLS di Rawlplug li mette alla pari con le parti stampate a iniezione, il che significa che l’azienda può testare le loro prestazioni al limite, sapendo che se passano, lo sarà anche il prodotto finale.

In definitiva, Zarowna ha concluso che la gamma di prodotti leader di mercato di Rawlplug è il risultato del “buon design” e dei “test approfonditi” abilitati dal suo sistema Lisa Pro, una macchina che ha anche consentito ai clienti Sinterit come Rotite Technologies di accelerare la sua prototipazione processo , e senza dubbio andrà a beneficio degli altri in modo simile in futuro.

Be the first to comment on "Rawlplug e la stampa 3d sls"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi